Questa pagine necessita che la piattaforma Javascript sia attiva. Per cortesia, attiva javascript nel tuo browser e poi carica nuovamente la pagina.

 

 

 

 

 

 

 

uomo alla finestra.jpg

 

 







Giorni di riflessione e approfondimenti questi

della fine di un’estate poco chiara che non

abbiamo davvero mai visto esprimersi come in

quella settimana di ferragosto in cui sono stato

fuori con mia figlia per uno straordinario tempo

di spensieratezza desiderata ma non raggiunta

come si sarebbe dovuto ed avrei avuto bisogno.

La glorificazione di sé rimpicciolisce e

dequalifica l’uomo che la esprime per cui sul

blog, dopo tanti anni non ho mai pensato a

sancire il loro scorrere su queste pagine così

assordanti e buie anche se molto spesso sono

state rivestite da una luce nuova ed

immarcescibile.

Ripensavo al tempo trascorso dal mio blog e

sono passati almeno 6 anni dalla sua creazione

ma oggi non ne è l’anniversario e non lo

ricorderò quando avverrà né l’ho fatto quando è

avvenuto, ed in questi anni tante le storie e le

avventure le idee e le congetture i sogni e le

asperità di un sentiero che ha tracciato la storia

di parte di me e della mia vita qualunque essa

sia, qualunque essa sia stata.

Un martellio incessante in questi giorni, sarà

l’età, che non mi permette di distrarmi da quante

parole sono state scritte in questo libro e quanto

si è potuto leggere anche dove non è mai stato

scritto nulla ma dove l’immaginazione e

l’interpretazione hanno colto gli sguardi e la

lungimiranza, nell’eleganza della condivisione e

della comprensione come nella bene accolta

critica costruttiva …meno negli accenti sarcastici

e denigratori ma un blog è l’accoglienza del

mondo e dei suoi abitanti e noi, saccenti

rappresentanti di questo mondo, non siamo tutti

uguali dico per fortuna perché altrimenti

saremmo molto più poveri e derelitti.

Il blog però ha fissato una storia …la mia!

Inestricabilmente legata a quella di altri da

formarne un intreccio quasi enigmatico a volte

ed altre decisamente lucido e illuminato dalla

consapevolezza del bene in ciò che è bene e

desiderabile.

Il fondo è stato toccato e lì si è giaciuti senza

poter far nulla per cambiare le cose al momento

quando poi il tempo ed i suoi perfetti agenti

hanno permesso di rialzarsi per continuare

incontrando poi vette soleggiate e ventilate da

far riempire i polmoni di un’aria talmente

rarefatta che dovevi far fatica per

abituarti a respirarla…!

C’è stato anche il tempo che ha fermato il tempo

permettendomi di sentire l’aria dopo tanta asfissia e

di esserci sino in fondo ed in modo emozionante

e profondo concedendomi di scoprirmi un pò di

più riconoscendo me in quella scoperta che non è

sempre stata scontata e attraente.

La condivisione della sofferenza mi ha sempre

colpito anche se non sono stato fra i migliori

aderenti a certa solidarietà, quanto meno non

sempre. Altre volte invece ho espresso al meglio

quello che sentivo e nel tempo giusto

esattamente come a me sarebbe piaciuto e mi

piace che gli altri facciano sentire a me.

Il blog con tutte le sue incongruenze si è

conquistato il proprio spazio nella storia del

mondo e non credo sia da cancellare quando

non si dovesse più aver voglia di scrivere

perché c’è una riserva di emozioni ed

espressioni che appartengono alla vita.

Non mi capita spesso per mancanza di tempo

ma facendo gimkana fra blogs mi sono

imbattuto in alcuni dimenticati e solitari ma

perduranti come se fossero lì ad

icona di un tempo trascorso ed intensamente

vissuto. Tristi ma presenti e visibili.


 

…solo per dire di quanto mi passa per la testa in

questi giorni disattesi…


 

Mentre scrivo ho la netta impressione delle

scadenze, sensazione che provo ogniqualvolta

assisto alla celebrazione di compleanni

soprattutto qui fra bloggers, ai compleanni dei

blogs, e questa  impressione interloquisce

dicendomi di vecchiaia e definizioni, per

questo smetto qui nonostante le parole vengano

morbidamente giù a scorrere tra le braccia e fra

le dita sui pulsanti di questa tastiera che

trasmette me al mondo e che lo ha fatto

per anni e che lo farà ancora senza remore

né ripensamenti.

 

 

 

 

 

un abbraccio sentito…

a chiunque passi di qui ma principalmente agli

amici che lo hanno fatto per anni e che lo

faranno ancora…perché è soprattutto per loro

che ho deciso di riportare queste frasi una dopo

l’altra in un luogo ameno e indecifrabile come

questo in cui galleggiamo!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

…Gianni


























GIANNIPIANOFORTISTAultima modifica: 2013-08-28T12:34:00+00:00da jo591
Reposta per primo quest’articolo

14 Thoughts on “GIANNIPIANOFORTISTA

  1. grazie a te per condividere tante emozioni 🙂
    un forte abbraccio, Uomo :*

  2. Arrivo. Leggo. E stavolta sì, lascio un segno.
    Perchè quello che hai scritto mi ha emotivamente coinvolta,
    ora che da due mesi non ho più un blog.
    L’ho cancellato, stavolta non per paura o coercizione,
    ma perchè venendo a mancare il confronto e lo scambio di sè che avveniva tra bloggers è venuta a mancare una preziosissima parte di sè… e di me.

    Continuo però a scrivere… nella speranza che quel clima… quel circolo di esperienze di vita, possa tornare a vivere. Improbabile? Forse, ma non impossibile!

    • Dopo tanta assenza divenuta reciproca
      mi fa davvero piacere leggerti
      e leggerti su queste pagine.
      …Decisione non facile quella di chiudere
      per la registrazione di parte della nostra storia
      trascritta spesso in modo chiaro
      altre volutamente criptico
      per voler dire qualcosa di più
      senza voler essere compresi sino in fondo
      perché ci cono cose
      che desideriamo condividerle si
      ma che teniamo per intero solo per noi.
      E la loro interpretazione è conosciuta
      solo da chi desideriamo sia conosciuta.

      Ma c’è qualcosa che voglio dirti
      supponendo che già tu lo faccia
      quando scrivi per il bisogno di farlo
      che è importante scrivere
      quando non puoi farne a meno
      e solo per quello.
      Poi se la condivisione e gli interventi giungono
      sono un ulteriore arricchimento
      ed io personalmente ho sempre sostenuto
      che il commentare sia una opportunità
      …una singolare opportunità che ci viene
      data nel dire su argomenti
      che riguardano altri.
      Ma se questo non dovesse avvenire
      sarebbe comunque bello il farlo
      anche solo per…”vergare” questi fogli inconsistenti che si realizzano solo
      nel tempo in cui lettera dopo lettera
      viene composto uno scritto.

      Mi spiace che tu abbia chiuso
      e spero che tu lo riapra al più presto
      il tuo blog.
      Senza il nostro, il tuo ed il mio apporto
      e le nostre idee
      e l’umiltà necessaria per dire di noi
      di certo questo luogo è più povero.
      Poi quando i contenuti sono consistenti
      come quelli che ho sempre letto da te
      non puoi fare a meno di continuare!

      Improbabile forse…certamente non impossibile
      che si possano leggere espressioni vere
      e non cammuffate dalla falsa rappresentazione di sé che credimi è diffusissima in questi spazi.

      ti rispondo qui anche perché non saprei dove altro farlo.

      …ciao Calo.

  3. Ciao, un caro saluto. Mi ha colpito quello che hai scritto, (ma in genere riesci ad arrivare all’essenza) e ci si riscopre e ci si confronta, e penso sia bello. Abbiamo iniziato 6 anni fa con un blog comune, con mio marito ed alcuni amici “l’isola che c’è”, ma ho sentito il bisogno di averne uno mio ed ho iniziato con le ricette che si sono trasformate in ricette di vita vissuta e mi piace questo spazio, dove si scrive i propri pensieri a volte velati, a volte limpidi. Anche se 2 nipotini mi lasciano poco tempo non lo chiuderò. Qui ho conosciuto persone che hanno svelato una parte di sè ed in cui a volte mi sono riconosciuta, perchè il dolore, le emozioni sono vissute soggettivamente, ma ci si ritrova spesso. Ciao, è bello leggere certi blog…

  4. Ciao e ben trovato. Ti dò la mia nuova e-mail se mi vuoi contattare:sicdora@alice.it,perchè quella di myblog è stata annullata ed ha mandato in tilt la mia posta elettronica,per cui non posso più entrare per scrivere nuovi post. Dovrò farmi un nuovo blog,da qualche altra parte,se voglio.
    Un saluto da Corinina.

    • Ciao Corinina …

      è fastidioso quello che ti è successo ma se proprio non c’è alcun rimedio, e per questo forse dovresti contattare la redazione di myblog quantomeno per chiedere se ti aiutano ad ‘esportare’ il blog. In tutti i casi allora dopo la pausa che presumo e sembra ti voglia prendere… ricomincia da qualche altra parte e fammelo sapere!

      un saluto a te!

  5. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=361264490671870&set=a.123120574486264.21721.100003649675702&type=1&theater

    caro Gianni, so di ripetermi, ma leggerti è sempre un immenso piacere per me, così come ascoltare la tua musica!!

    sarei felice di sapere quando sarà il tuo compleanno e ti auguro sin d’ora di festeggiarlo proprio come tu lo desideri 🙂

    è vero che noi spesso ci leghiamo a determinati oggetti del passato perché hanno un particolare ricordo intrinseco e mai vorremmo distaccarcene, ma credimi… è così bello quando ce ne liberiamo con la consapevolezza che è solo un oggetto il cui ricordo affettivo appartiene unicamente al nostro cuore!
    quando ce ne disfacciamo, donandolo magari ad un nostro caro amico, siamo veramente liberi… e felici di vivere il qui ed ora… quel succedersi degli attimi in cui emozioni uniche ed irripetibili, sempre nuove, senza legami col passato ci accolgono!

    ti abbraccio, Uomo, augurandoti una felice serata 🙂

    p.s. se sei su fb, batti un colpo, sarebbe un piacere averti tra gli amici

  6. Ciao Gianni!

    Sai leggerti mi ha colpito il cuore perchè ci abbiamo conosciuto certamente una sera nel mio compleanno. Tu lontano lontano proprio nell’altra parte dal mondo. E sei stato sempre tanto carino con me sempre generoso un sole!
    Anch’io mi sono resa conta che a volte non trovo parole di speranza ed amore e per questo mi fermo un tempo e poi ritrovo nel blog la gioia.
    Tu sei parte della mia vita e come dice la canzone…

    Dai un po del tuo amore
    Io darò un po del mio amore
    C’è cosi tanto che abbiamo
    bisogno di condividere

    Inviami un sorriso e
    Mostrami il tuo affetto
    Ti darò un po della mia vita

    Ti voglio un mare di bene!!!!!!!

  7. Ciao Gianni ed auguri per il tuo anniversario del blog.Io sono stata tentata di desistere ,ma poi non ce ho fatta a lasciare gi amici con cui ho conversato per tanti anni e così ,grazie ad un buon consiglio ho rifatto myblog sempre con virgilio ,ma con una nuova veste.Sei il primo a cui lo scrivo : ardor.myblog.it /corininanews. C’è già un mio post. Rispondimi .grazie .Corinina

  8. Il blog, come qualsiasi nostra produzione artistica, determina il nostro tempo, ci cadenza il passo e questo talvolta ci turba perché determina anche lo scorrere del tempo, l’invecchiamento… ci impaurisce.Ma guardiamo anche i lati positivi: la spinta che ci dà a scrivere, per pura passione, in piena libertà e con la consapevolezza che i commenti che ci arrivano non hanno mai secondi fini, se non quello che siamo noi ad aver lasciato un segno nel loro cuore…baci

  9. Sì mi ha fatto piacere ricevere di nuovo il tuo saluto. Ho tenuto il blog per tanti anni ed incontrato tante amabili persone. Alcune che hanno smesso di scrivere mi mancano e rappresentano minuti innumerevoli dela mia vita.Con loro ho scambiato opinioni e pensieri che rileggendoli a distanza mi commuovono. Quindi ho costatato che un pò della mia e della loro sensibilità trascorre nelle parole e lascia un segno .Perciò voglio dedicare a te una mia poesia ,per ringraziarti della sollecitudine con cui mi hai risposto,nonostante le difficoltà:Parole in musica/ onda di antiche memorie/mossa da un lento valzer /oscillante come le ore che scorrono./Tutta la vita/potrebbe essere così/tra un passo di danza e l’altro/gli occhi socchiusi/ in un sogno verace.Spero ti piaccia ed a presto.Corinina

  10. Le mie dita erano come intorpidite invecetu sai bene che scrivo solo se sento profondamentestemperando con metafore gli accenti che potrebbero essere troppo fortie restando in silenziopiuttosto che ferire le persone a cui tengoma a volte si deve… perché le parole scoppiano dentroe solo così si tocca il vero sotto quei veli…ora diventeremo naufraghi migrantie anche a me tutto torna alla mentee rifluisce nei foglil’inchiostro profuma… lo senti Gianni?Un salutoanzi no… questohttp://youtu.be/8PafDO-lATIAlessandra

  11. I blog stanno chiudendo…forse a causa di facebook. Ma facebook non è una casa, il blog è casa. Fa piacere leggerti.

Lascia un commento

Post Navigation