Ho tentato, ma non sono riuscito a rinunciare all’atmosfera che crea la musica e alla libertà, di questo genere poi non così importante ma significativa, di stanziarmi su una piattaforma diversa da quella consigliata-imposta da myblog e quindi sono qui:

http://giannipianofortista.blogspot.it/

…per continuare ciò che alcuni anni fa è iniziato proprio con questo blog, Giannipianofortista che si trasforma in ‘Nascita’ nel link che troverai sulla barra laterale di quella che considero la sua continuazione e sviluppo genetico.

Ti aspetto quindi sul Giannipianofortista che non cambia il nome ma la struttura si, chissà perché ma da un pò il bianco e il nero mi attraggono più del solito sarà per la contrapposizione ideale che rappresentano o per le estremizzazioni alle quali si può fare riferimento per luogo comune, oppure forse perché sono stanco dei grigi.

In un momento non facile ho necessità di scrivere e di dire anche se non sempre lo faccio completamente. Ma sono sicuro che la comprensione, arte complessa, appartiene a chi può comprendere.

Probabilmente mi lascerò andare a postare anche qui, talvolta, assalito dalla nostalgia delle cose non cancellate, alle quali ci si affeziona e che come giustamente sosteneva Petrarca, (citazione dotta) quando rimaneggiava le sue opere, anche ciò che non è bello o non piaciuto è comunque espressione di un momento storico della vita di ciascuno di noi.

Poi gli errori e le cose fatte bene chissà chi è realmente in grado di giudicarle!

 

Uomo